“Romana delicia” nell’area archeologica di Montegrotto Terme

“Romana Delicia – Il piacere del cibo nel mondo romano”: questo il nome del suggestivo evento ideato dall’Associazione Montegrotto Terme Shops e allestito presso gli scavi archeologici di Montegrotto Terme venerdì 28 agosto 2015.
La splendida cornice, illuminata da ceri e allietata da un sottofondo di arpe, flauti e trombe dei musicisti del Conservatorio Pollini di Padova, è stata vivacizzata da alcuni teatranti e danzatrici in rigoroso costume romano. Ma il vero cuore della serata è stato il cibo: un tentativo, in gran parte riuscito, di accompagnare in un salto nel passato gli oltre 200 partecipanti che hanno gustato piatti ispirati alle ricette di quell’Apicio, gourmet imperiale di cui raccontano Seneca e Tacito, vissuto durante l’impero di Tiberio, seguendo ove possibile le indicazioni lasciate nel “De Re Coquinaria”.

11948064_10205710013963652_522198846_nI piatti sono stati realizzati da Serafino Baù, patron della tauriliana “Enoteca San Daniele”, e sono stati accompagnati da vini rigorosamente dei Colli Euganei grazie alla collaborazione con la Strada del vino dei Colli Euganei e le aziende Parco del Venda, La Roccola, Villa Alessi, Salvan e Il Mottolo. In questo percorso i commensali sono stati accompagnati, in un percorso itinerante lungo gli scavi, dai racconti degli archeologi dell’Associazione Lapis che di norma gestiscono le visite ai tre siti archeologici di Montegrotto Terme.
I presenti hanno quindi potuto avere un’idea, per una sera, dei fastosi dei banchetti romani di quell’epoca imperiale che, già allora, amava oziare e godere del benessere delle terme e, in particolare, ben conosceva le virtù terapeutiche di quelle euganee.

11935733_10205710013403638_1387120710_nAl di là della riuscita della serata, credo importante essere riusciti a riportare al centro dell’attenzione sia questo sito archeologico, meritevole di valorizzazione, sia l’operazione di recuperare menù dell’antica Roma non solo come una curiosità, ma per capire l’evoluzione della nostra cucina e dei nostri gusti, nonché l’utilizzo degli ingredienti che già allora poteva offrire il territorio, dal farro all’olio di oliva, e quelli che ancora non c’erano (come patate e pomodori, fondamentali nei menù della “dieta mediterranea” odierna ma sconosciuti agli antichi romani).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.